Nella vita di tutti i giorni spesso incontriamo il termine perfezionismo o sentiamo “è un perfezionista” …anche quando vengono descritti i bambini od i giovani. Il termine più comune che associamo come delle cattive qualità dell’uomo, qualcosa di non realistico, eccessivamente pedante,..
Quindi cercherò di chiarire cos’è il perfezionismo e chi sono i perfezionisti e come si diventa perfezionista.

Il perfezionismo è spesso descritto come un’ambizione per l’infallibilità, ed i perfezionisti sono coloro che desiderano essere perfetti in alcuni o in tutti gli ambiti della vita. È molto difficile per queste persone ammettere un errore o mostrare un senso di insicurezza siccome le cose che per gli altri sono normali gli sembrano come enormi difetti umani. I perfezionisti non vogliono veramente essere perfetti, quelli che sono nel loro intimo, a causa dell’insicurezza, hanno il bisogno di apparire perfetti agli altri perché credono che saranno apprezzati e accettati solo dagli altri. I loro costanti tentativi di apparire perfetti li privano tremendamente di tanta energia vitale e producono molta insoddisfazione personale.

Il perfezionismo non deve essere confuso con un sano desiderio di fare ciò che facciamo bene. Il desiderio di essere eccellenti implica che ci sforziamo di raggiungere ciò che è giusto ora o in questa situazione che deve essere il meglio che si possa ottenere. Questo desiderio implica lo stabilire degli obiettivi alti e realistici, perseguire il successo ed aspettarsi che gli errori siano possibili.
Il perfezionismo, a differenza di quanto indicato sopra, è il desiderio di realizzare ciò che non è affatto realizzabile. I perfezionisti definiscono obiettivi elevati e irrealistici, accompagnati da una paura incondizionata del fallimento, hanno un alto livello di autocritica con l’idea che gli errori siano inaccettabili e sono accompagnati da una bassa autostima. I perfezionisti sono persone che sono soddisfatte solo con i più alti standard. In casi particolari, il perfezionismo può crescere come un’ossessione. Ad esempio, questo tipo di persona deve mettere tutte le cose al loro posto e costantemente cammina dietro gli altri coinquilini e mette a posto anche le più piccole cose “ad un loro, sempre lo stesso, posto”, anche le persone possono optare per la pulizia in un modo che ha costantemente il bisogno di esagerare nel lavare le singole parti o l’intero corpo.

PerfezionistaUna persona con un sano bisogno di successo
Imposta gli obiettivi non realisticiImposta obiettivi reali e realizzabili
Ha degli standard rigidiGli standard si adattano alla situazione
Focalizzato ad evitare erroriFocalizzato sulla soluzione del compito
Comprendere gli obiettivi e il loro raggiungimentoObiettivi e risultati corrispondenti
Non è mai soddisfattoÈ soddisfatto, sa come ricompensare sé stesso, crede in sé stesso
Si confronta costantemente con gli altriRiconosce e rispetta la sua unicità
Si sente inutile se non ha successoCrede in sé stesso anche quando riconosce le sue debolezze
Gli è impossibile a riconoscere l’errore senza vergognaÈ possibile riconoscere l’errore e correggerlo
A causa di fallimento si sente deluso e depressoAccetta il fallimento come parte della vita e del lavoro
Si difende in un modo esagerato quando viene criticatoAccetta critiche costruttive
Rimanda e ritarda nei compitiEsegue i compiti in tempo
Ragiona con la regola “o tutto o niente”Accetta soluzioni di compromesso quando è necessario

I miti sul perfezionismo

1. MITO – Un uomo non avrebbe successo se non fosse un perfezionista.
REALTÀ – Non ci sono prove che i perfezionisti abbiano più successo dei non perfezionisti.

2. MITO – I perfezionisti riescono a fare tutto bene.
REALTÀ – Hanno problemi con la bassa produttività, ritardano i lavori e le scadenze, sanno che sono mal organizzati.

3. MITO – I perfezionisti sono determinati a superare gli ostacoli al successo.
REALTÀ – Sono sulla strada ma sono più vulnerabili alla depressione, ai blocchi creativi, all’ansia sociale (apparizioni pubbliche) per paura di fallire.

4. MITO – I perfezionisti hanno un forte desiderio di soddisfare gli altri.
REALTÀ – I perfezionisti sono costantemente impegnati ad ottenere l’amore, l’ammirazione e l’accettazione di altre persone.

Cento volti di perfezionismo!

Ci sono persone che sono perfezionisti in tutti gli ambiti della vita e quelli che cercano di essere in una o in un paio di aree.

Quindi possiamo parlare di:

  • perfezionismo dei risultati (persona orientata verso risultati elevati)
  • perfezionismo dell’aspetto (attenzione alla raffinatezza e all’aspetto perfetto)
  • perfezionismo nelle relazioni interpersonali (tutti dovrebbero essere in buone relazioni, tutti dovrebbero accettarlo)
  • perfezionista morale (alti standard di comportamento personale, ha regole severe di condotta per sé stesso e gli altri)
  • perfezionista dell’identità (gli altri mi accetteranno solo se sono “qualcosa di speciale”)
  • perfezionista emotivo (devo sempre essere felice, devo essere in grado di controllare le mie emozioni, non devo essere preoccupato e depresso)
  • perfezionista romantico (nel rapporto romantico di due persone tutto deve essere l’ideale, non ci devono essere litigi e incomprensioni)
  • perfezionista sessuale (l’atto sessuale e l’attività devono sempre essere perfetti)
  • perfezionisti in tutte le sfere della vita (tendono ad avere tutto sotto controllo, e in particolare il loro risultato importante, l’aspetto e la moralità, fissando obiettivi elevati per le persone intorno a se, e ciò che essi fanno non è mai abbastanza buono, tendono a criticare…).

Come si diventa perfezionisti?

Nell’area dello sviluppo del perfezionismo ci sono varie ipotesi teoriche che descrivono le vie dello sviluppo del perfezionismo. Indicherò brevemente le varie influenze sul suo sviluppo con l’enfasi più forte sull’influenza dei genitori e della famiglia perché sembra straordinariamente importante rassicurare il più possibile i genitori e stimolare direttamente il perfezionismo malsano sui figli con cui poi faticano a lungo nelle loro vite.

Secondo il modello integrativo dello sviluppo, il perfezionismo nel suo sviluppo è influenzato da diversi fattori personali ed ambientali, tra cui:

  • caratteristiche ereditarie (personalità del bambino), perfezionisti sono di solito i bambini caratterizzati dal temperamento con una forte emotività, una persistenza marcata ed una forte ansia,
  • caratteristiche adottate dal bambino attraverso l’apprendimento familiare,
  • lo stile educativo dei genitori,
  • influenze ambientali (sistema scolastico che promuove la competitività/concorrenza, la personalità degli insegnanti, attività extrascolastiche come la danza, la ginnastica… che incoraggiano il look perfetto, le influenze culturali entro le cui il bambino cresce e vive).

È comunemente noto che i fattori biologici e psicologici influenzano lo sviluppo di ciascun tratto della personalità. Il rapporto tra gli uni e gli altri nei differenti tratti della personalità è diverso, ma in media è:

40% biologico : 60% psicologico.

Quindi, non v’è dubbio che le pratiche di allevare il bambino, gli stili genitoriali e le influenze della famiglia possiamo intensamente dirigere verso la formazione delle personalità dei nostri figli, tra cui lo sviluppo di perfezionismo.

Come si diventa perfezionisti?

Modello di aspettative sociali

Descrive i genitori che influenzano il bambino con la loro aspettativa che il bambino è perfetto. I figli di questi genitori imparano che l’approvazione dei genitori può essere ottenuta solo se si è perfetti in quello che si fa(scuola, sport, aspetto, l’ordine…). Questi genitori hanno uno stile educativo di controllo. Il bambino sviluppa un’ autostima condizionata “è valida solo se si soddisfano le aspettative dei genitori”. Certamente, queste aspettative raramente si incontrano perché i genitori le impostano molto in alto. Nel corso del tempo, i bambini si fissano da soli degli obiettivi alti perché credono che solo se tali obiettivi vengono soddisfatti meritano l’attenzione dei genitori e dell’ambiente.

Esempio:
Ho chiesto ad una madre al centro di consulenza, che non era soddisfatta del successo di suo figlio, di ricordarsi almeno una delle sue buone qualità od un comportamento di successo. Ci pensò a lungo e disse: “Non lo so, niente non funziona abbastanza bene”.

Il modello della reazione sociale

Questo modello descrive come il perfezionismo può verificarsi anche come reazione a condizioni sfavorevoli in cui vive un bambino. Ad esempio, abuso fisico oppure psicologico o vita in una famiglia in cui i genitori non mostrano l’amore o costante incoraggiamento e accentuazione della colpa e della vergogna dei bambini per comportamenti che il genitore non approva, in quanto una reazione può stimolare lo sviluppo del perfezionismo. Il bambino sviluppa quindi il perfezionismo come meccanismo difensivo per evitare l’ulteriore esposizione a spiacevoli esperienze con l’idea “se sono perfetto nessuno mi farà del male”.

Esempio:
Ho chiesto ad una ragazza maltrattata quale secondo fosse l’ aspetto perfetto. Mi ha detto “Mi piace vedermi con ammirazione, perché quando mi ammirano non c’è la possibilità che qualcuno mi insulti”.

Modello di apprendimento sociale

Si parte dal presupposto che l’apprendimento con l’imitazione è molto presente nell’apprendimento in famiglia e che i genitori sono i modelli più importanti per i loro figli. Pertanto, in questo modello, i bambini imitano i genitori che sono perfezionisti ed acquisiscono le modalità di comportamenti da loro. L’apprendimento tramite l’imitazione dei genitori si impone come uno sforzo dei bambini ad idealizzare i propri genitori ed il desiderio d’essere ‘perfetti’ come i loro genitori.

Esempio:
Una madre si lamentava del comportamento molto pedante di sua figlia all’asilo di cui tutti ne erano impressionati. La ragazza non usciva spesso in cortile per non sporcarsi le scarpe. Parlando con la madre, ho scoperto che la madre si pulisce sempre le scarpe in modo che sembrino sempre come nuove ad ogni uscita fuori.

Modello di ansia espressa dei genitori

Parla dei perfezionisti, costantemente preoccupati per i loro errori, che diventano tali a causa d’influenza dei genitori ansiosi con cui sono cresciuti. A causa d’ ansia, paura e l’ansia, i genitori sono stati costantemente concentrati sugli errori dei loro figli e hanno sottolineato le conseguenze negative degli errori, in modo che i bambini hanno “paura” di sbagliare.

Esempio:
Una ragazza che è costantemente paura di non sbagliare qualcosa, comunque bella e mediamente di successo dice: “Mia madre mi ha guidato sempre verso il lato peggiore delle cose, difficilmente durante la vita ha sopportato le sue paure. Oggi cerco di fare tutto perfettamente in modo che alcune delle terribili conseguenze di cui ha sempre parlato non accadano”.

Periodi chiave per lo sviluppo del perfezionismo

I periodi in cui il perfezionismo si sviluppa con influenze dominanti di vari fattori sono:

PRIMA INFANZIA – dove l’influenza più importante viene dal temperamento del bambino (personalità), lo stile genitoriale e l’influenza dell’intero sistema familiare.

ADOLESCENZA – quando sono dominanti le influenze accanto alla personalità (all’interno della quale la coscienza personale) che passano da colleghi, insegnanti scolastici e influenze culturali.

È importante notare che la personalità del bambino ha sempre un ruolo importante nello sviluppo di perfezionismo a causa del fatto che nelle stesse o simili condizioni culturali, nello stile dei genitori e nel sistema familiare, ogni bambino sarà lo stesso e non si svilupperà il perfezionismo come la caratteristica ed il comportamento propri. Quindi, potremmo dire che il perfezionismo è una caratteristica che si sviluppa quando le specifiche predisposizioni biologiche del bambino entrano in contatto con varie influenze ambientali, culturali e familiari.

Influenze culturali

È interessante notare quali culture hanno un’influenza più forte sullo sviluppo del perfezionismo:

  • Germania, Giappone, Svizzera – incoraggiano il perfezionismo basato sul successo e gli alti risultati;
  • Asia, Africa, India – il perfezionismo si basa sulla vergogna, un valore inferiore che promuove obiettivi elevati per dimostrare valore personale ed evitare l’umiliazione,
  • Nord America, Europa – il perfezionismo si basa sul potenziamento dei sensi di colpa.

Cosa possiamo fare?

1. Siate consapevoli dei propri pensieri eccessivamente critici!

Quando notate di criticare il lavoro proprio o d’altri come imperfetto, fermatevi un attimo, riflettete su quello che sta accadendo in questo caso o nella situazione.
Aiutate i propri figli a sentirsi bene quando danno il meglio, non solo quando sono i migliori e di maggior successo!

2. Cercate di impostare aspettative e piani realistic!

È bene stabilire grandi aspettative che ci incoraggiano a raggiungere il massimo in una determinata situazione/circostanza. Rifletteteci un attimo se vi aspettate troppo da sé stessi e dagli altri!
È ragionevole stabilire obiettivi che spingono avanti le nostre capacità, non è ragionevole fissare obiettivi irraggiungibili che possano infrangere noi od i nostri figli!

3. Smettetela di essere dei sapientoni!

Non sapremmo mai tutto, anche se ci dedichiamo allo studio di una singola cosa, situazione, fenomeno o comportamento. Tutti facciamo degli errori e persino insegnanti e genitori …!
Ascoltate gli altri, a volte lasciateli sapere più di voi!

4. Affrontate la paura del fallimento!

Imparate a distinguere l’importante dal non importate perché non avete una quantità illimitata di energia nella vita.
Non tutti devono fare lo stesse cose, basta fare ciò che è veramente importante!
Dopotutto, considerate qual’è la cosa peggiore che può accadere se non fatte tutto perfettamente?
Gli errori sono una parte normale ed integrante di ogni essere umano!

5. Trovate il tempo per sé stessi!

A causa del desiderio di rendere tutto perfetto e di vedere e valorizzare gli altri, non avete mai tempo per sé stessi. Ecco perché dovete sapere che l’essere umano del tutto perfetto non esiste!
Quindi, prendetevi un po’ di tempo per sé stessi, per i vostri interessi, hobby, prendetevi un caffè con gli amici, usate pienamente le vostre vacanze… Dite liberalmente alla gente NO oppure MI DISPIACE NON POSSO, siate sicuri che sopravvivrete a tutto questo, ed altrettanto molti vi apprezzeranno di più!

Coordinatrice della Città Sana di Parenzo
Nataša Basanić Čuš
Psicologo – psicoterapeuta