Temi esperti

L’importanza delle vacanze annuali

Tutti abbiamo provato sulla propria pelle la stanchezza e le sue conseguenze. La stanchezza è la reazione psicofisica dell’organismo legata a qualche attività. Se lavoriamo per un po’ di tempo e siamo se siamo semplicemente svegli, dopo un po’ ci sentiremo stanchi, abbattuti, ecc. La stanchezza è in realtà un meccanismo di protezione che impedisce i danni ed il sovraccarico del corpo dando spazio a dei processi di recupero per far si che il corpo si riprenda dalle attività. Il riposo è il mezzo più antico, più diffuso e più efficace per combattere la stanchezza. Si manifesta come interruzione, rallentatore o cambiamento di attività. Di conseguenza, quando si tratta di vacanze, i pensieri si riposono da tutte quelle attività che occupano la maggior parte del nostro tempo durante l’anno: lavoro, responsabilità di tutti i giorni, scuola, attività extrascolastiche, ecc.. Sia i bambini che i genitori hanno l’opportunità di impegnarsi in attività che di solito non hanno il tempo di fare. In particolare, durante l’anno i genitori sono impegnati con il lavoro e vari altri obblighi, mentre i bambini trascorrono la maggior parte della giornata nella scuola materna o nella scuola, impegnati in varie attività extrascolastiche, ma tutti hanno bisogno di un po’ di relax e divertimento. Questo è il motivo per cui consideriamo spesso le festività annuali come la parte più bella dell’anno. Inoltre, è anche il momento per la famiglia.

Ci sono alcune regole che devono essere seguite per rendere il riposo più efficiente, e questo vale anche per le vacanze. La regola di base è che un’attività di vacanza dovrebbe essere in contrasto con quella che ha causato affaticamento. Per questo motivo, è utile viaggiare di volta in volta, per cambiare l’ambiente. Altrettanto, come nei riposi quotidiani, si denota che è più efficace avere delle corti vacanze distribuite adeguatamente che una a lungo termine. Ecco perché è bello avere una vacanza tutto l’anno e se ci sono opportunità di viaggiare per almeno alcuni giorni. Nel caso in cui v’è la possibilità, il viaggio si dovrebbe pianificare con saggezza e scegliere una destinazione che offre ai genitori ed ai figli il tempo per il riposo ed il divertimento, e, naturalmente, per l’apprendimento.

Viaggio

La pianificazione dei viaggi fa parte importante dell’esperienza del viaggio stesso. Le attività che richiedono pianificazione e l’organizzazione congiunta (come lo è il partire per un viaggio comune) hanno un effetto positivo sulla flessibilità e la connettività di tutta la famiglia. Inoltre, la fase di pianificazione è spesso la fase di viaggio più felice. Pertanto, è importante che la pianificazione coinvolga tutti i membri della famiglia e che si inizia a pianificare bene in modo da aumentare il livello di anticipazione, ma anche a ridurre lo stress. L’arrivo alla destinazione è certamente un’opportunità in cui i genitori possono stare con i loro bambini che ricercano molte nuove attività (ad es. giochi di società, attività sportive, escursioni) perché ogni tipo stimolazione come le escursioni o le attività congiunte sono delle ottime opportunità per lo sviluppo dei bambini e per lo sviluppo delle relazioni e collegamento tra bambini e genitori.

Certo, non c’è bisogno di viaggiare per trascorrere una vacanza piacevole e di qualità. Rilassarsi a casa con gite nei dintorni, la spiaggia o la piscina può rendere la vostra vacanza indimenticabile. È importante che ci sia un cambiamento, specialmente per i bambini. Con questo si promuovono le nuove idee, quindi se si rimane a casa, visitare con i bambini nuovi parchi e campi da gioco, visitare una galleria museo o d’arte, informarsi sulle attività della comunità locale, come concerti, fiere, eventi, festival, spettacoli teatrali per bambini o qualsiasi attività o workshops organizzati per coinvolgere i bambini – importante è fare qualcosa di nuovo. Dentro e d’intorno alla casa anche ci sono molti modi possibili come trascorrere del tempo di qualità con i bambini: ad esempio, fare la colazione o il pranzo al terrazzo o nel giardino, imparare insieme nuove abilità, uscire con gli amici che, inoltre, non hanno viaggiato, alcuni sport ed altro.

Tuttavia, le vacanze scolastiche durano più delle ferie annuali dei genitori e molti genitori si trovano in una situazione che è poco da invidiare siccome i loro figli devono cavarsela da soli, almeno durante una parte delle loro vacanze. O, quello che accade spesso nelle destinazioni turistiche, come lo è anche nel nostro caso, i genitori lavorano per tutta l’estate. In quelle circostanze, i bambini devono cavarsela da soli, con la TV oppure il PC come la tata, senza la supervisione dei genitori. Bisogna badare ai bambini piccoli, e se non abbiamo a disposizione il ‘servizio nonna’, allora si dovrebbe iscrivere i bambini in un campo estivo. Ma anche i bambini più grandi non dovrebbero rimanere senza la supervisione di qualche persona adulta. In qualsiasi caso, è importante che si prepari il piano in anticipo per questa parte delle vacanze estive, organizzare il tempo libero dei bambini, il che significa in accordo con i bambini formare dei piccoli programmi giornalieri – dall’alzarsi, colazione, compito lavorativo all’uscita fuori, ecc. I bambini non devono essere bombardati con gli obblighi giornalieri, condizionare il risveglio mattutino e cose simili, ma è applaudibile darli dei piccoli compiti in modo che la giornata si concretizzi con dei contenuti utili.

Le ferie annuali – il tempo da trascorrere con la famiglia

Le ferie annuali sono il periodo giusto per stare con la propria famiglia. A causa di vari obblighi, il ritmo della vita accelerato, ma anche della tecnologia che influenza gli aspetti dello stile di vita, le famiglie trascorrono poco tempo assieme, anche se molte ricerche sottolineano l’importanza del tempo che i bambini trascorrono con i genitori, ed il ruolo protettivo che hanno questi incontri. Lo spendere del tempo libero quotidianamente con la propria famiglia è legato alla coesione della famiglia (la sensazione di collegamento tra i membri della famiglia) e con i numerosi buoni esiti per lo sviluppo dei bambini, specialmente i bambini piccoli. Questo si attiene allo sviluppo socio-emotivo, fisico e cognitivo e lo sviluppo del linguaggio.

Alcuni degli aspetti più importanti del passare il tempo insieme sono la comunicazione, il coinvolgimento dei genitori nella vita dei figli e l’impegno dei genitori, ma altrettanto le aspettative dei genitori nel confronto con i figli. Le ricerche hanno dimostrato che:

  • la comunicazione dei genitori con figli in età scolare è legata in modo positivo al successo scolastico dei loro figli.
  • gli adolescenti con i genitori coinvolti nelle loro vite hanno meno problemi nel comportamento e di rado utilizzano il modo aggressivo nella risoluzione dei problemi.
  • la sensazione d’ansia è legata al contatto e la comunicazione con i genitori. Questa sensazione è così piccola in quanto sia maggiore la presenza dei genitori in casa, l’impegno dei genitori e le aspettative riguardo al rendimento scolastico e accademico dei loro adolescenti.
  • i pasti comuni sono un’importante abitudine familiare siccome si è mostrato che tra gli adolescenti che regolarmente fanno la cena con i propri genitori c’è una possibilità inferiore che utilizzeranno sostanze che creano dipendenza.

Trascorrere del tempo nella natura

I bambini oggi trascorrono troppo tempo negli ambienti chiusi, stando seduti o davanti alla TV od al PC, e sempre di meno all’aperto, in movimento, nonostante la consapevolezza dell’importanza del stare insieme nella natura e dell’importanza dell’attività fisica. Vale a dire che l’attività fisica è la parte integrante dello sviluppo naturale del bambino e si deve tenere a mente che ai bambini prescolari hanno la necessità di almeno un paio di ore di giochi non strutturali e attività fisiche, mentre i scolari ne necessitano almeno un’ora al giorno. Il che significa che il tempo libero, e così anche il riposo si dovrebbe sfruttare facendo una permanenza attivamente intensa nella natura, siccome questo tipo comportamento si collega con molti effetti positivo per la salute fisica ( in cui i più importanti sono il rafforzamento del sistema immunitario e la prevenzione dell’obesità) e sulla salute mendate(poiché tali attività sono collegate con lo sviluppo della creatività ed immaginazione, con il rafforzamento della fiducia in sé stessi e con il libello basso dello stress).

I genitori ed il loro tempo libero

È anche importante che i genitori rispettino le loro relazionI ed il tempo di rilassarsi in base alle possibilità e al tempo a disposizione. Naturalmente, i bambini sono al centro dell’attenzione, soprattutto quando sono piccoli, dipendenti, specialmente dipendenti dai loro genitori. Così come gli adulti a loro scelta hanno deciso di essere i genitori, hanno l’obbligo e la responsabilità che la maggior parte delle loro attività sia dedicato ai figli, di vivere in modo responsabile e di dedicarsi con attenzione ai propri figli, adattare la propria vita alla loro formazione, la crescita spensierata e lo sviluppo e per consentire loro di conoscere ed usare l’amore incondizionato. Questo però non significa che i genitori non hanno il diritto ad una parte del proprio tempo libero personale così come il tempo in cui insieme possono come partner costruire il loro rapporto. Infatti! È importante che i genitori hanno delle pause brevi o un po’ più lunghe che possono trascorrere da soli in relax e divertimento:

  • un pranzo condiviso od una cena romantica e una conversazione mentre i bambini stanno dormendo,
  • se si ha accesso ai nonni o amici fidati con i quali i bambini possono soggiornare una o due ore a notte, si può andare al cinema, a fare una passeggiata in città, spendere una serata a due o con gli amici e così via.
  • una delle possibilità è di trascorrere una parte delle vacanze da soli o con gli amici per un viaggio di un giorno od un fine settimana, in modo che si trovino le adeguati soluzioni per la cura dei bambini piccoli o adolescenti di controllo,

Conclusione

Per concludere, le vacanze sono necessarie per bambini e adulti! È importante pianificarle attentamente e utilizzarle per rinnovare l’energia per le nuove esigenze di vita e di lavoro che ci vengono poste. È meno importante se lasciamo il luogo di residenza o ci divertiremo per organizzare la nostra vacanza a casa. La cosa più importante è il rilassarsi, divertirsi e trovare il tempo per la famiglia, gli amici e per sé stessi e scegliere attività ed i passatempi che ci sentiremo appagati e felici!

Tina Benčić, psicologa della Città Sana di Parenzo